Antidolorifici per cani a cosa servono

Al giorno d’oggi secondo i dati a nostra disposizione stanno aumentando notevolmente le famiglie che accudiscono un cane.

Molto spesso però in molti trascurano, per negligenza o per scarsa possibilità, la salute degli animali.

Spesso e per cause differenti, i nostri animali domestici si ammalano esattamente delle nostre stesse patologie.

A volte poi, a seguito di traumi o interventi chirurgici, è comune che cani e gatti, che presentano una struttura psicologica e quindi un rapporto con il dolore molto simili al nostro, mostrino il bisogno di subire trattamenti di cura e terapia del dolore.

Artriti, artrosi, displasia, traumi articolari, fratture o dolori ossei più gravi dovuti a malattie come tumori possono affliggere i nostri animali e provocare stati di malessere più o meno evidenti.

Se un cane ha difficoltà di deambulazione, rigidità, movimenti limitati, se si comporta in modo strano e differentemente dal solito o se piange insistentemente è perché, probabilmente, sta sentendo dolore.

Il dolore potrebbe avere cause diverse, che vanno analizzate e studiate così da comprenderne le ragioni e agire nel miglior modo possibile.

Se il cane è anziano potrebbe sentire dolori a causa di artrite o reumatismi soprattutto nella stagione fredda.

Quando il vostro animale a 4 zampe ha subito un’operazione chirurgica, la ripresa post-intervento potrebbe prendere del tempo e durante questo periodo il cane potrebbe sentire dei dolori nella zona interessata.

 

Le patologie più diffuse tra i cani

 

Inoltre, tra le malattie più diffuse tra i cani, c’è la displasia dell’anca ovvero un’anomalia che provoca un distaccamento tra le due parti dell’articolazione (femore e cavità acetabolare).

Anche cani che svolgono attività fisica intensa potrebbero presentare alterazioni dell’apparato osseo o muscolare e questo va a influire sul corretto svolgimento dell’attività sportiva.

Ricorrere agli Antidolorifici per Cani

Infine, cani con problematiche di peso e obesità, sono certamente più propensi a malattie legate all’apparato osteo-articolare.

Non curare i sintomi e il dolore articolare può avere conseguenze più serie sull’animale e portarlo a volte ad avere problemi di sonno (il cane non riuscirà a dormire a causa del dolore), interessamenti della sfera psicologica come depressione e di conseguenza interessare anche il suo sistema immunitario.

Risulta quindi di estrema importanza la prevenzione e la cura di queste patologie, una volta che queste sono comparse.

 

Ricorrere agli antidolorifici per cani  



Gli antidolorifici per cani in commercio oggi non hanno solo la funzione di placare o alleviare il dolore del nostro animale domestico, ma contribuiscono anche a sfiammare eventuali infiammazioni, bloccare la progressione della malattia e accelerare il processo di guarigione nel caso di traumi articolari e interventi chirurgici migliorando anche la respirazione e la mobilità dell’animale.

Esistono inoltre alcune tecniche di massaggio che possono essere effettuate sull’animale, soprattutto per dolori dell’anca così da evitare situazioni di atrofia e immobilità o invalidità permanenti.

Gli antidolorifici per cani rappresentano comunque ad oggi la soluzione più consigliata ed utilizzata dai veterinari per il trattamento del dolore negli animali.

E’ importante essere attenti alla composizione di questi antidolorifici ed evitare medicinali troppo forti che potrebbero avere ripercussioni sull’apparato gastrico a causa della loro acidità.

E’ sempre bene preferire soluzioni il più naturale possibile, magari contenenti estratti botanici di piante o componenti non chimici.

Le soluzioni sono tante, è fondamentale però seguire i consigli del nostro veterinario di fiducia e comprendere che le patologie ossee o muscolari dei nostri animali domestici devono essere diagnosticate il prima possibile e trattate con soluzioni specifiche.

About Author: