Il cartomante del nuovo millennio

Le metodiche per approcciare con un cartomante sono diverse e tutte molto facili da attuare specialmente in quest’era moderna dove la strumentazione informatica ha trovato spazi ben definiti.
La stragrande maggioranza dell’utenza si avvale di internet per un consulto perché le cosiddette cartomanti moderne sono facilmente raggiungibili con pochi click o con una telefonata.
Molte persone cercano il consulto a tarda sera, nella tranquillità e nella privacy della loro abitazione, davanti al loro computer lontano dalla caotica realtà del mondo moderno.
Le cartomanti rispondono in chat, con responsi eloquenti oppure con voce suadente ad uno dei numeri che i siti mettono a disposizione.
Poche parole per la verità, ma molto concise ed attendibili.
Non invitano a richiamare perché mettono subito in chiaro che l’esito che ha dato la lettura dei tarocchi si limita a sei mesi e se l’utente si affida ad un altro sito per un ulteriore consulto, avrà forse due risultati diversi e si creerà solo un’enorme confusione.
Quello di rivolgersi a più cartomanti è un modo sbagliatissimo per approcciare perché si rischia di diventare dipendenti della cartomanzia, si rischia di voler trovare verità che non esistono per il semplice fatto che si vuole la propria verità, si vorrebbe sentirsi dire le cose che si desiderano non quelle che l’operatore ‘avverte’.

Sebbene il web sia una maniera molto valida per chiedere un consulto, sarebbe meglio recarsi in uno studio dove interagire direttamente con un cartomante perché è meno impersonale e molti preferiscono questo tipo di consulto.
Chiedere un appuntamento è meno difficoltoso di quanto si pensi, i cartomanti che operano in questo modo hanno un valido segretario che fissa colloqui nei giorni stabiliti e presto vi ritroverete in quegli studi con sale d’attesa ben arredate e in compagnia di altri clienti.
Viene spontaneo chiedere a queste persone che più o meno hanno gli stessi vostri problemi, se l’operatore li ha soddisfatti precedentemente, se sono al loro primo consulto, insomma, si instaura una specie di feeling tra quella gente accomunata dalle stesse problematiche, dall’identico dolore di chi nella vita è stato provato, dalla stessa voglia di risalire la china.
E’ un modo come un altro per confrontarsi, per dire la propria senza ombra di curiosità alcuna perché ogni persona è legata all’atra dai medesimi sentimenti, dalla ricerca di una meritata serenità che dovrebbe esserci in tutte le famiglie.
Troverete persone che hanno dimestichezza con questi tipi di consulti perché hanno instaurato con il cartomante un rapporto di stima e fiducia e un’empatia tale, che li induce a rivolgersi a lui anche solo per un consiglio o per una ricarica di energia cosmica.
Al contrario troverete clienti come voi, leggermente sprovveduti ed intimoriti ma durante un consulto non bisogna avere nessuna paura perché il cartomante non è altro che una persona come voi, solo che ha una spiccata predisposizione per la sensitività.

Non lasciatevi intimorire da studi sontuosi, da abbigliamenti estrosi e da scrivania addobbate da fronzoli esoterici.
State tranquillissimi, non è una maniera per incutere paura nella gente perché la cartomanzia nel vero significato della sua definizione, non ha lo scopo di spaventare.
Tutto quello che vedrete è solo scenografia, le candele profumate che emanano tenui luccichii , il forte odore di incenso, sono solo idee che occorrono per favorire la concentrazione vostra e dell’operatore.
Non vedrete sfere di cristallo come quelle che hanno davanti le vecchie zingare di gomma nei finti baldacchini del luna park, non riceverete un bigliettino cartaceo con il vostro responso ma troverete semplicemente una persona pronta a guidarvi verso un mondo un pò diverso da quello in cui siamo abituati a vivere.
Uscirete da quella porta con un particolare senso di serenità interna perché vi sarà trasmessa la convinzione che le negatività non possono durare per sempre.

About Author: