Mancano meno di 10 giorni al via delle Olimpiadi 2016

Olimpiadi 2016 – Nel basket una squadra nettamente favorita, il Team Usa

Una delle medaglie d’oro pronosticata dalla quasi totalità degli addetti ai lavori per le Olimpiadi 2016, è quella del basket. Pur senza campioni del calibro dell’MVP delle finals, LeBron James, e della stagione regolare, Stephen Curry, oltre che Harden, Rose e Westbrook, la selezione statunitense guidata in panchina dall’allenatore della Duke University, Mike Krizewskyi, non dovrebbe avere problemi a far sua la medaglia di maggiore valore, lasciando le altre a giocarsi i due restanti posti sul podio.

Le formazioni che potrebbero impensierire gli americani sono senza dubbio quelle europee, con la Spagna di Sergio Scariolo, già seconda quattro anni fa a Londra e fresca campione d’Europa, la Francia di Vincent Collet, e la Serbia di Sasha Djordjevic, queste ultime due curiosamente arrivate a Rio come vincitrici di due dei tre preolimpici, mentre nel terzo l’Italia non è riuscita a giocarsi la sua chance in casa, a Torino, perdendo in finale dalla Croazia, altra nazionale che con la Lituania, potrebbe essere una delle outsider.

Nelle due partite di preparazione che gli statunitensi hanno sostenuto contro l’Argentina, che per l’ultima volta metterà in campo i suoi esperti Ginobili, Scola e Nocioni, e contro la Cina, entrambe partecipanti ai “giochi”, Durant e soci hanno letteralmente “banchettato” per tutti i 40 minuti, finendo per infliggere distacchi pesantissimi.

Gli altri due esponenti dei Warriors, Green e Thompson, il lungo dei Clippers De Andre Jordan, e la guardia di Toronto, DeRozan, oltre al neo vincitore dell’anello, Irving hanno fatto vedere che non ci sarà scampo per nessuno, a meno di una giornata nerissima di gran parte del Team Usa,

Olimpiadi 2016, la squadra italiana conta quasi 300 atleti

Grandi numeri per la rappresentativa azzurra a Rio 2016. Saranno in tutto 297 gli atleti che rappresenteranno l’Italia, con la voglia di portare a casa quante più medaglie è possibile, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, punta ad entrare nella “top ten” del medagliere, ed a fornire buone prestazioni. olimpiadi-2016-rio

Dei 297 atleti italiani, 155 sono uomini, mentre le donne, con 142 atlete presenti, fissano il nuovo record di partecipazione femminile italiana ai giochi olimpici. Se andiamo ad analizzare la provenienza dalle varie regioni italiane alle Olimpiadi 2016 la più rappresentata è la Lombardia, con 43 atleti, mentre limitatamente alle città la prima è Roma con 30.

L’Italia porta a Rio 2016, 29 atleti che hanno conquistato una medaglia nell’edizione londinese di 4 anni fa, con l’atletica che fa la parte del leone con 38 atleti, davanti al nuoto con 35, al canottaggio ed al ciclismo con 18 ed alla scherma nella quale saliranno in pedana 17 atleti.

Per quanto riguarda le squadre, sia la pallavolo che la pallanuoto hanno qualificato sia la formazione maschile che quella femminile e si presentano quindi al via rispettivamente con 24 e 26 atleti. Nella delegazione italiana c’è grande rammarico per la mancata partecipazione di Gianmarco Tamberi, specialista del salto in alto che si è infortunato proprio pochi giorni fa, durante il meeting di Montecarlo, che aveva vinto, ritoccando anche il record italiano. Per lui sarà necessario attendere la prossima edizione delle Olimpiadi, nel 2020.

Olimpiadi 2016 al via con una polemica

I giochi olimpici di Rio 2016 non sono ancora iniziati, ma già c’è stata la prima polemica; è accaduto al momento della consegna alle varie delegazioni, delle strutture che devono ospitarle, il cosiddetto “Villaggio Olimpico”.

Le strutture infatti si sono dimostrate non all’altezza dell’uso, con problemi che riguardano il mancato completamento degli impianti, i collaudi non fatti, le possibili fughe di gas, e la sporcizia. In alcuni casi, le varie delegazioni, tra le quali quella italiana, si sono rimboccate le maniche ed hanno affidato a delle aziende locali i lavori di completamento, mentre in altri ci sono state delle reazioni stizzite, come ad esempio la Nuova Zelanda, e la Gran Bretagna, e da parte dell’Australia è partita anche una protesta ufficiale nei confronti del comitato organizzatore locale.

La corsa contro il tempo che gli amministratori ed i politici brasiliani avevano messo in piedi, rischia così di trasformarsi in un pericoloso danno d’immagine. In effetti l’esterno dei vari palazzi è completamente terminato, ma è all’interno che esistono ancora delle magagne che devono essere sistemate. L’Australia quindi si è spostata in hotel, ed anche il comitato organizzatore ha ammesso queste carenze, con la promessa di sistemare tutto prima dell’apertura ufficiale dei giochi.

About Author: